Laboratori

“Tecniche di role-playing per un approccio problem solving alla violenza di genere”

 

Le attività laboratoriali rappresentano parte integrante ed essenziale nel percorso formativo per “Diversity Sport Manager” in quanto consentono ai partecipanti di trasformare il “sapere” acquisito nei tre moduli di didattica frontale in “saper fare”, attraverso l’utilizzo di tecniche di role-playing e un approccio problem solving al tema delle discriminazioni e delle violenze di genere.
I 5 laboratori previsti nel progetto formativo riflettono l’articolazione del corso di formazione.
Le attività didattiche del primo modulo (“Stereotipi, discriminazioni e violenze di genere. Un approccio multidisciplinare”) sono dunque integrate dall’Empathy Lab (tenuto dal visual practitioner Marco Serra) e dai “Design Thinking workshops (against violence)” (a cura del dott. Antonio Opromolla), entrambi finalizzati a far sì che i partecipanti siano in grado di riconoscere casi e situazioni di violenza di genere e di elaborare rispetto a esse possibili interventi risolutori.
Costituiscono invece parte integrante del secondo modulo formativo (“La violenza di genere raccontata sui media”) i laboratori “Questioni di genere ai tempi dei social network” (tenuto dal sociologo Dario Fanara) e “Discriminazioni di genere e violenza nei videogame” (a cura di Marco Accordi Rickards e Micaela Romanini di Fondazione Vigamus), che focalizzano l’attenzione dei partecipanti su due contesti mediali del tutto peculiari e che, nell’immaginario collettivo, tendono a essere associati all’idea della violenza, e di quella di genere in particolare.
Il terzo modulo formativo, specificamente dedicato al tema della violenza di genere nello sport, si arricchisce infine del laboratorio dal titolo “Simulazione di casi e situazioni di gestione della diversità di genere”, tenuto dagli attori e registi Francesco D’Antonio ed Edoardo Ciufoletti. Attraverso le tecniche del role-playing, il laboratorio fornisce ai partecipanti gli strumenti necessari per comunicare in modo efficace i temi della discriminazione e della violenza di genere durante il loro lavoro nelle società sportive dilettantistiche, a livello giovanile e senior.

Empathy Lab

Design Thinking workshops (against violence)

Questioni di genere ai tempi dei social network

Discriminazioni di genere e violenza nei videogame

Simulazione di casi e situazioni di gestione delle diversità di genere